domenica 5 maggio 2019

MANTOVANA DI ARTUSI


Appena l'ho vista in TV in un pogramma di cucina sono incuriosita.....MANTOVANA....ma di Prato.
E così ,mi sono messa alla ricerca della ricetta originale di Pellegrino Artusi.
Sono varie le leggende su questa torta burrosa, ma a me piace pensare che quella di Artusi, autore toscano del primo ricettario gastronomico dell'unità d'Italia, sia quella vera ,autentica.
Ma veniamo alla leggenda......
Pare,sembra, si mormora che.....la ricetta fu regalata a Pellegrino Artusi, da alcune suore di Mantova,il quale ritornato in Toscana decise di regalarla all'amico pasticcere proprietario della pasticceria,tutt'ora famosa ,
Antonio Mattei di Prato.
Il biscottificio ancora oggi produce la famosa torta MANTOVANA secondo l'antica ricetta di Artusi, che doveva essere alta al massimo due dita.
Ovviamente ci ho messo un po' del mio....poco, poco.


"INGREDIENTI"

  • 170 GR FARINA 00
  • 150 GR BURRO FUSO
  • 170 GR DI ZUCCHERO ( IO NE HO INSERITO 130)
  • 120 GR DI MANDORLE A LAMELLE
  • 1 UOVO INTERO +4 TUORLI A TEMPERATURA AMBIENTE
  • LA SCORZA GRATTUGIATA DI 1 LIMONE
  • 1 BUSTINA DI CREMOR TARTARO( QUESTO LO AGGIUNTO IO)
  • 1 CUCCHIAO DI LIMONCELLO
  • 1 BUSTINA DI VANILLINA
"PROCEDIMENTO"
  • MONTARE LE UOVA CON LA FRUSTA ,CON ZUCCHERO, VANILLINA E LIMONE
  • AGGIUNGERE IL BURRO CONTINUANDO A MONTARE
  • UNIRE IL LIMONCELLO E PER ULTIMA LA FARINA SETACCIATA CON IL CREMOR TARTARO, DAL BASSO VERSO L'ALTO
  • VERSARE IN UNO STAMPO DA 22 IMBURRATO E INFARINATO E COSPARGERE CON LE MANDORLE
  • INFORNARE A 160° PER 30 MINUTI FACENDO LA PROVA STECCHINO
  • SFORNARE, RAFFREDDARE E SPOLVERIZZARE CON ZUCCHERO A VELO



4 commenti:

  1. Sono sempre contenta quando quando nella mia blogroll vedo un tuo nuovo post, deliziosa questa proposta, direi perfetta accanto ad un buon thè.
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  2. Ciao, sicuramente buonissima questa torta, io sono toscana e me la ricordo quando ero piccola questa 'mantovana' nelle vetrine dei panettieri, me la ricordo con i pinoli, ma questa idea (che non conoscevo) di mettere le mandorle mi piace di più!!

    RispondiElimina
  3. immagino il profumo e la bontà di questo dolce!!!! lo proverò dopo maggio ora sono in fioretto!!!! Un abbraccio grande Lory

    RispondiElimina
  4. Grazie x aver condiviso questa ricetta della tradizione..l'aspetto promette proprio bene ed io ho l'acquolina :-P

    RispondiElimina

se ti va di lasciare il tuo pensiero mi farai felice, ma lo saro' ugualmente perche' sei passato nel mio salottino goloso .