giovedì 22 novembre 2012

LE PETTOLE ( LI PETT'LI- PUGLIA)

 
CARISSIMI AMICI, OGGI S. CECILIA A CASA MIA NON POTEVANO MANCARE LE PETTOLE, O COME LE CHIAMIAMO QUI IN PUGLIA " LI PETT'LI ".......SQUISITE FRITTELLE DI PASTA LIEVITA  CHE SI POSSONO GUSTARE AL NATURALE OPPURE INTINTE NEL MIELE DI ACACIA.......UNA GODURIA A 360°.
LA RICETTA E' QUELLA ORIGINALE DELLA MIA MAMMA ( LEI PERO' USA IL LIEVITO MADRE, IO DI BIRRA ).ALLORA DIAMO INIZIO ALLE FESTIVITA', PERCHE' NELLA MIA FAMIGLIA QUANDO SI IMPASTANO LE PETTOLE VUOL DIRE CHE NATALE E' VICINO.
ALLORA, ANDIAMO E COMINCIAMO.......CALORIE A GOGO'.
 

 
" INGREDIENTI "
PER IL LIEVITINO :
  • 200 GR DI FARINA DI SEMOLA DI GRANO DURO-
  • META' PANETTO DI LIVITO DI BIRRA-
  • ACQUA TIEPIDA Q.B.-
PER L'IMPASTO :
  • 500 GR DI FARINA DI SEMOLA DI GRANO DURO-
  • 500 GR DI FARINA 00-
  • 2 CUCCHIAI DI OLIO DI OLIVA-
  • IL CUBETTO DI LIEVITO RIMASTO-
  • 12 GR DI SALE FINO ( 1 CUCCHIAINO COLMO )-
  • ACQUA  TIEPIDA Q.B. -
 

 
" PROCEDIMENTO "
IL LIEVITINO:
  • SETACCIARE LA FARINA IN UNA CIOTOLA , SBRICIOLARE IL LIEVITO E UNIRE ACQUA Q.B. A IMPASTARE E FORMARE UN PANETTO-
  • FAR LIEVITARE  COPERTO PER 4/5 ORE FINO A RADDOPPIARE IL VOLUME-
L'IMPASTO :
  • IN UNA CIOTOLA GRANDE SETACCIARE LE DUE FARINE, FORMARE LA FONTANA E UNIRE IL PANETTO DI LIEVITO RIMASTO, L'OLIO, IL SALE E INIZIARE AD AGGIUNGERE L'ACQUA PER FAR SCIOGLIERE IL LIEVITO-
  • UNIRE IL LIEVITINO E IMPASTARE BENE, AGGIUNGENDO MAN MANO TANTO ACQUA FINO A RENDERE L'IMPASTO MORBIDO, QUASI LIQUIDO E LAVORARE BENE CON LA MANO COME SE SI SBATTESSERO LE UOVA, PER QUALCHE MINUTO. PRENDENDO L'IMPASTO TRA LE DITA E ALZANDOLO DEVE RISULTARE COLLOSO-
  • FAR LIEVITARE PER 1 ORA FINO AL RADDOPPIO-
  • IN UNA PENTOLA FAR SCALDARE ABBONDANTE OLIO DI SEMI-
  • PRENDERE UN CUCCHIAIO ,INUMIDIRLO  IN  ACQUA E PRENDERE UNA PO' DI IMPASTO E FARLO CADERE PIANO NELL'OLIO A FORMARE DEI MUCCHIETTI CHE SI GONFIERANNO, RIPETERE E BAGNARE IL CUCCHIAIO AD OGNI PASSAGGIO-
  •  FAR DORARE E SCOLARE-
  • SERVIRE AL NATURALE CALDI, OPPURE CON MIELE DI ACACIA-

 
QUI SOTTO VEDETE LA VERSIONE CON IL MIELE, CHE IN REALTA' PREVEDEVA ANCHE L'AGGIUNTA DI CODETTE CHE IO NON AVEVO.
 
 
BUONISSIME, UN CLASSICO DELLE MIE FESTE NATALIZIE.
 
CONSIGLIO DI.....VINO : MELAROSA , SPUMANTE ROSATO EXTRA DRY
 
IL MIO CONSIGLIO : USATE IL MIELE DI ACACIA PER LA VERSIONE DOLCE E' IL PIU' DELICATO-
SE FATE NORMALMENTE IL LIEVITO MADRE POTETE USARE QUELLO INVECE DEL LIEVITO DI BIRRA, LA MIA MAMMA USA QUELLO TRAMANDATO DA MIA NONNA-
 
ALLA PROSSIMA, NON MANCATE CI SARA' UN BEL DOLCE.
 


17 commenti:

  1. Lascia stare le calorie, qui la sigora ricetta sta dando festa!!! Bellissime e tocchissime ;) Io le tingerei nel miele come hai proposto tu, ma aggiungerei anche dei gherigli di noci greche... mmmmmmm !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e infatti cara vica, davanti a certe golosita' non si puo' dire di no....e buone anche le tue noci.......un abbraccio

      Elimina
  2. Che buoneeeee sono tre anni che non le mangio, le faceva la suora pugliese all'asilo di mio figlio. Durante il periodo di Natale facevamo una festa tutti insieme e le pettole erano le protagoniste!!!! Grazie per la ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contenta Mariangela che la mia ricetta ti riporti i ricordi di un tempo....adesso puoi provare a farle sono buonissime baci

      Elimina
  3. Ciao Maria, fantastiche queste pettole, intinte nel miele
    poi... una vera goduria!!!
    Brava!!!
    A presto:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ely vedo che siamo tutte golose.... grazie mille cara alla prossima:))

      Elimina
  4. che buone che sono io le adoro nn vedo l'ora di riscendere in puglia x mangiarle..le tue sono fantastiche...complimenti

    RispondiElimina
  5. Buoneeeeee,qui da me le pettole sono un formato di pasta acuq e farina che si usa con i fagioli,un piatto tipico napoletano che ho fatto anche nel blog.bacioni

    RispondiElimina
  6. Ma sai che assomigliano tanto alle nostre "Crispelle" buonissime!
    notte notte Zagara & Cedro

    RispondiElimina
  7. Mai assaggiate ma devono essere ottime!!
    Salvo la tua ricetta, le provo e ti faccio sapere!!
    Un abbraccio e buona serata
    Carmen


    RispondiElimina
  8. Quante cose nuove...conoscevo le pettole ma non avevo mai saputo che si preparavano per Santa Cecilia, le ho viste preparate da altre amiche di fora per il Natale...secondo me son buone in ogni stagione o sbaglio? Complimenti e buona giornata♥

    RispondiElimina
  9. Maria Maria quante cose che scopro leggendoVi e leggendoTi le pettole non le conoscevo proprio ma adorando dolci e fritti questa ricetta sa' da fa' :))))))))))))))))) ... buona giornata Giovanna

    RispondiElimina
  10. Qui in Toscana si fanno salate, servite con prosciutto e stracchino o con finocchiona e patè di fegatini (abbinamento strano ma se lo senti... non lo dimentichi più!)

    RispondiElimina
  11. mmmmmhhhhhhh... devono esser buone.... complimenti per il tuo blog... mi piace molto... se vuoi passa a vedere il mio blog e iscriviti ai lettori fissi... mi farebbe molto piacere....

    RispondiElimina

se ti va di lasciare il tuo pensiero mi farai felice, ma lo saro' ugualmente perche' sei passato nel mio salottino goloso .